#siamogolosiani: torta di farro

Il riso è senza dubbio uno dei miei ingredienti preferiti in cucina ed anche in pasticceria, da buon toscano amo il classico budino di riso ed anche la torta di riso. Non abbiate paura, non mi sono sbagliato, sto parlando del riso, anche se ho scritto torta di farro, ma questa sul riso era una premessa necessaria. Dicevo che una delle mie torte preferite è senza dubbio la torta di riso, mi è sempre piaciuta fin da bambino, da quando in casa mia la facevano "ad occhio": un litro di latte, qualche pugno di riso, zucchero a cucchiai etc etc... Dal momento che ho sempre amato questa torta, mi sono impegnato, con buona pace delle massaie di casa mia, in un opera di pesatura e trascrizione certa degli ingredienti. E poi mi son detto, ma visto che Nuova Terra mi ha mandato tutto questo ben di Dio di ingredienti, perchè non provare anche a sostituire il riso con il farro? Ed ecco come è nata questa ricetta. E' buona come l'originale, forse anche di più (nonna non leggere) perchè il chicco di farro si scuoce meno in cottura ed è più saporito rispetto al riso.
Non perdiamo altro tempo e vediamo come procedere!


Ingredienti:

- 200 grammi di farro perlato
- 100 grammi di zucchero
- 1 litro di latte intero
- 75 grammi di burro
- 40 grammi di farina
- 4 uova
- buccia di limone
- 100 grammi di arancia candita



Per prima cosa versate in una pentola il latte con il burro, lo zucchero, la buccia di limone e il farro. Portate a bollore, poi abbassate la fiamma e fate cuocere a fuoco basso per una mezz'oretta, fintanto che il farro non risulterà morbido e il latte si sia completamente ritirato. Fate attenzione soprattutto sul finale a non far attaccare il farro al fondo della pentola. Una volta terminata questa operazione trasferite il farro in una ciotola, eliminate le bucce di limone e coprite con della pellicola per alimenti. 


Lasciate intiepidire tutto e poi aggiungete le uova, la farina e l'arancia candita che avrete precedentemente tagliato a pezzetti. Mescolate bene e poi trasferite in una tortiera rivestita di carta forno da 26/28 cm. Io vi consiglio di usare una tortiera abbastanza grande, perchè a me personalmente questa è una torta che piace sottile.


Accendente il forno e portatelo a 160 gradi in modalità statica. Una volta caldo, infornate la torta e cuocete per circa 30 minuti, fino a che in superficie non si formeranno delle piccole crepe. A questo punto sforntate e lasciate freddare completamente prima di rimuovere la torta dalla tortiera. 
Servite sul piatto di portata e versate abbondantemente zucchero a velo in superficie.
Buon appetito! 
La altre ricette che ho fatto per utilizzando i prodotti Nuova Terra sono: la crema di piselli al grano saraceno e il tabbouleh alla messinese.



0 commenti:

Posta un commento

 

EXPO Worldrecipes Contributor

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità stagionale dei prodotti. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, comunicatecelo via mail.

Slowthinking

Proud to be Bloggalletto

4Cooking

trova ricetta WebShake – cucina BlogItalia - La directory italiana dei blog Ricercadiricette.it /

Email me

Meet The Author

Sono Jacopo, 34 anni e una passione per il buon mangiare che inizia nell'infanzia quando da bambino, nascosto sotto il tavolo di cucina, rubavo i tortellini appena fatti il pomeriggio della vigilia di Natale. Io facevo il brunch quando ancora non sapevo neanche cosa fosse: la colazione della domenica mattina della mia adolescenza è stata spesso una fetta di pane con una generosa cucchiaiata del ragù lasciato incustodito sul fuoco. Oggi che sono adulto sono diventato un gourmand esigente e un cuoco eccellente, in parole povere mi piace mangiare e bere bene, ma mi piace anche (e molto!) cucinare le cose che amo per le persone che amo. Mi piace sempre citare una frase di Elsa Morante. Negli ultimi anni di vita Elsa chiedeva a tutti: “Qual è secondo voi la frase d’amore più vera, quella che esprime al massimo il sentimento?”. Tutti dicevano grandi cose. Lei rispondeva: “No. La frase d’amore, l’unica, è: hai mangiato?”.