Torta morbida alle pesche bianche e lavanda.

Una lettrice del blog qualche giorno fa mi ha scritto dicendo di aver fatto la torta alle pesche e rosmarino e chiedendomi se, secondo me, sarebbe riuscita bene anche con le pesche bianche. Le pesche bianche sono buonissime, anche a me piacciono molto, sono più profumate delle pesche, e il loro aroma delicato si sposa benissimo con i fiori di lavanda. Si, ho detto lavanda: la lavanda infatti oltre che venire usata per profumare, può essere tranquillamente consumata e si può usare in cucina in molte preparazioni. Dobbiamo solo stare attenti alla quantità che utilizziamo, perchè i fiori di lavanda hanno un profumo molto intenso e rischiamo di coprire tutti gli altri sapori. Vediamo comunque come preparare questa versione.

Ingredienti 
– 3 pesche bianche
– 300 grammi di farina
– 200 grammi di zucchero
– 100 grammi di burro
– 3 uova
– 2 fiori di lavanda
– un pizzico di sale
– mezzo bicchiere di latte
– una bustina di lievito (o 16 grammi di baking)
Cominciamo dalle pesche: sbucciatele, privatele del nocciolo e tagliatele a fettine. Mettete in una ciotola con un paio di cucchiai di zucchero e un po’ di succo di limone per non farle annerire e aggiungete la lavanda. Prendete il fiore di lavanda, quella fresca che avete in terrazza, eliminate il fiore viola e usate il seme che è la parte che contiene l’olio profumato e che rilascerà l’aroma in cottura. La lavanda è molto intensa, quindi io vi consiglio di non usare più di 10/20 semini, quindi l’equivalente di uno/due rametti di fiori. 
Prepariamo l’impasto, cominciando a sbattere le uova con lo zucchero finchè non si ottiene un composto spumoso, poi aggiungete via via gli altri ingredienti, il burro fuso, il sale (se volete della scorza grattata di limone o dei semi di vaniglia), il latte e infine la farina in cui avrete precedentemente sciolto il lievito. Mescolate accuratamente in modo che non si formino grumi e trasferite l’impasto in una tortiera dai bordi alti da 26 cm di diametro che avrete precedentemente imburrato o rivestito di carta forno umida. Aggiungete le pesche e la lavanda all’impasto inserendole verticalmente, io vi consiglio di partite dall’esterno per arrivare in giri concentrici fino al centro. Versate sopra le pesche il liquido che si è formato nel frattempo.

Infornate a forno caldo e cuocete per 45/50 minuti a 180°, ma controllate via via la cottura per non asciugare troppo la torta. Sfornate da fredda e aggiungete un po’ di zucchero a velo prima di servire.

[Una lettrice mi ha fatto notare nell’altra versione che secondo lei il lievito sciolto nel latte perde potere lievitante, così in questa ho mescolato il lievito alla farina per vedere le differenze. Non ho notato lievitazioni differenti, quindi direi che potete usare il modo che preferite.]

1 Commenti
  • Lisa F

    Rispondi

    Complimenti per la ricetta !!! Un torta bellissima e sicuramente buonissima !!! Complimenti anche per il Blog ! Ciaoooooooooo Lisa

Lascia un commento