Torta alla zucca, la merenda perfetta

Accettare di avere un problema è sicuramente il primo passo per risolverlo. Ecco io appena arriva l'autunno, con i primi freddi vado in fissa con la zucca. La cucino spessissimo proprio perchè è un ingrediente molto versatile, mi piace mangiarla tanto nei dolci, quanto nelle ricette salate. Vellutate, tortelli, ratatouille, involtini ed anche ovviamente dolci. 
La ricetta di cu vi sto per parlare è una di quelle ricette semplici semplici ma che non stancano mai. Le torte così sono le prime cose che ho cominciato a cucinare quando ero ragazzino e tutt'oggi mi appassionano sempre. Quelle torte morbide ideali per merenda o colazione, insomma per me sono il comfort food per eccellenza!
La torta con la zucca che vi propongo oggi sono sicuro che tutti possono provare a fare senza timore di sbagliare, sarà un successo e sono stra sicuro che la proporrete anche ai vostri ospiti, genitori, nonni, nipoti, vicini di casa etc etc

Ingredienti:

- 4 uova
- 300 grammi di zucca
- 150 grammi zucchero
- un pizzico di sale
- 8 grammi di lievito per dolci
- 75 grammi di mandorle
- 200 grammi di farina
-100 ml di olio di semi di girasole
- buccia grattata di mezzo limone bio

Partiamo dall'ingrediente principale: sbucciate la zucca, eliminate eventuali semi e filamenti nella parte centrale e poi grattatela con un grattugia più finemente possibile. 
Altra operazione preliminare: in un mixer tritate le mandorle con metà zucchero, fino ad ottenere un composto omogeneo senza pezzi grossi. In questo modo l'eventuale olio prodotto dalle mandorle sarà assorbito dallo zucchero e nulla andrà perso.
Rompete le uova in un ciotola, aggiungete metà zucchero con le mandorle tritate, la buccia del limone e il pizzico di sale. Cominciate a sbattere con delle fruste elettriche o con una planetaria, per almeno 5 minuti, fin tanto che il composto non risulti gonfio e piuttosto chiaro. Aggiungete a questo punto l'olio di semi di girasole (io in genere uso l'olio di riso, ma ecco va bene qualunque olio delicato) a filo, continuando sempre a mescolare bene. Versate un po alla volta la farina setacciata con il lievito e mescolate in modo da sciogliere bene tutto, evitando che si formino grumi. Per ultima aggiungete la zucca grattugiata.
Imburrate bene una tortiera con gancio laterale e versate tutto l'impasto. Portate il forno a 180 gradi e infornate la torta, cuocendo per 45/50 minuti. Se usate una tortiera più piccola la torta verrà ovviamente più alta, ma per cuocersi nella parte centrale occorrerà un po' più di tempo. Viceversa se usate una tortiera da 24/26 cm di diametro 45 minuti dovrebbero essere sufficienti.
Una volta fredda, estraete la torta dalla tortiera, sistematela su di un piatto di portata e spolverate con abbondante zucchero a velo. 
Se siete super golosi potete pensare di accompagnare la torta di zucca con un frosting preparato con yogurt e panna acida... ma non sarò io a darvi questi consigli... 
Buon appetito! 




0 commenti:

Posta un commento

 

EXPO Worldrecipes Contributor

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità stagionale dei prodotti. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, comunicatecelo via mail.

Slowthinking

Proud to be Bloggalletto

4Cooking

trova ricetta WebShake – cucina BlogItalia - La directory italiana dei blog Ricercadiricette.it /

Email me

Meet The Author

Sono Jacopo, 34 anni e una passione per il buon mangiare che inizia nell'infanzia quando da bambino, nascosto sotto il tavolo di cucina, rubavo i tortellini appena fatti il pomeriggio della vigilia di Natale. Io facevo il brunch quando ancora non sapevo neanche cosa fosse: la colazione della domenica mattina della mia adolescenza è stata spesso una fetta di pane con una generosa cucchiaiata del ragù lasciato incustodito sul fuoco. Oggi che sono adulto sono diventato un gourmand esigente e un cuoco eccellente, in parole povere mi piace mangiare e bere bene, ma mi piace anche (e molto!) cucinare le cose che amo per le persone che amo. Mi piace sempre citare una frase di Elsa Morante. Negli ultimi anni di vita Elsa chiedeva a tutti: “Qual è secondo voi la frase d’amore più vera, quella che esprime al massimo il sentimento?”. Tutti dicevano grandi cose. Lei rispondeva: “No. La frase d’amore, l’unica, è: hai mangiato?”.