Gnocchi di zucca alla romana

Gli gnocchi alla romana sono senza dubbio uno dei miei comfort food preferiti; mi sono sempre piaciuti fin da bambino quando li preparavano in casa. Adesso che sono grande li preparo ovviamente da solo e in queste prime giornate di freddo non mancano mai sulla mia tavola. Anche se apprezzo la versione classica, ogni tanto mi piace cambiare e arricchisco la ricetta con qualche variazione, come quella che vi present oggi. In questa versione, ho aggiunto della zucca stufata: da colore e un sapore delicato che si sposa, secondo me, benissimo, con il formaggio.
Quindi non perdiamo altro tempo e vediamo come procedere!

Ingredienti:

-500 grammi di zucca
- 250 grammi di semola
- 500 grammi di latte
- 500 grammi di acqua
- 1 tuorlo
- 100 grammi di burro
- 50 grammi di Parmigiano Reggiano
- salvia rosmarino
- sale, noce moscata e pepe qb

Per prima cosa la zucca, vi consiglio di usare una zucca mantovana, che rimane piuttosto asciutta, quindi più veloce da far appassire. Io uso il microonde: taglio la zucca a pezzi molto piccoli, dopo aver eliminato la buccia, e la metto una ciotola di vetro insieme a qualche ago di rosmarino e ad un paio di foglie di salvia. Chiudo molto bene con della pellicola per alimenti, mettendo un paio di strati per evitare che fuoriesca vapore in cottura. A questo punto mettete la ciotola con la zucca nel microonde e cuocete per 15 minuti al massimo della potenza. Lasciate stiepidire la zucca (e soprattutto la ciotola!) per quache minuto e passate la zucca con un passaverdura riducendola in purea.
In una casseruola portate a bollore il latte con l'acqua e aggiungete la semola a pioggia mescolando molto velocemente (meglio se con una frusta) in modo da sciogliere tutto perfettamente, eliminando ogni eventuale grumo. Cuocete a fiamma bassa per 5/8 minuti, continuando a mescolare per evitare che si attacchi nel fondo e poi aggiungete il tuorlo d'uovo con la purea di zucca. Mescolate ancora e aggiungete il Parmigiano grattugiato (50 grammi) e il burro a pezzetti. Infine regolate di sale, aggiungendo a vostra discrezione un po' di noce moscata. 
A questo punto rivestite una teglia rettangolare con della carta da forno umida, in modo che aderisca perfettamente. Versate il semolino ancora caldo nella teglia e livellate bene, stendendo l'impasto fino negli angoli. Coprite con un panno e lasciate raffreddare bene prima di ritagliare gli gnocchi. Una volta che il semolino si sia raffreddato ritagliate con un tagliabiscotti rotondo i dischetti e metteteli da parte. 
Imburrate bene  una pirofila e adagiate gli gnocchi in modo ordinato, aggiungete qua e là dei fiocchetti di burro e per finire il Parmigiano grattugiato avanzato su tutta la superficie in modo da coprire tutto. Per terminare a me piace aggiungere anche una macinata di pepe. 
A questo punto non vi resta che infornare la pirofila con gli gnocchi per la gratinatura: infornate a forno caldo 180/190 gradi e cuocete per 20/25 minuti. Se volete un effetto ancor più croccante, accendete il grill negli ultimi minuti di cottura.
Buon appetito! 





0 commenti:

Posta un commento

 

EXPO Worldrecipes Contributor

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità stagionale dei prodotti. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, comunicatecelo via mail.

Slowthinking

Proud to be Bloggalletto

4Cooking

trova ricetta WebShake – cucina BlogItalia - La directory italiana dei blog Ricercadiricette.it /

Email me

Meet The Author

Sono Jacopo, 34 anni e una passione per il buon mangiare che inizia nell'infanzia quando da bambino, nascosto sotto il tavolo di cucina, rubavo i tortellini appena fatti il pomeriggio della vigilia di Natale. Io facevo il brunch quando ancora non sapevo neanche cosa fosse: la colazione della domenica mattina della mia adolescenza è stata spesso una fetta di pane con una generosa cucchiaiata del ragù lasciato incustodito sul fuoco. Oggi che sono adulto sono diventato un gourmand esigente e un cuoco eccellente, in parole povere mi piace mangiare e bere bene, ma mi piace anche (e molto!) cucinare le cose che amo per le persone che amo. Mi piace sempre citare una frase di Elsa Morante. Negli ultimi anni di vita Elsa chiedeva a tutti: “Qual è secondo voi la frase d’amore più vera, quella che esprime al massimo il sentimento?”. Tutti dicevano grandi cose. Lei rispondeva: “No. La frase d’amore, l’unica, è: hai mangiato?”.