Roscon de Reyes: l’Epifania in Spagna

Roscon de Reyes

Le feste diciamo “comandate” sono sempre di grande ispirazione per ricette della tradizione. In tanti paesi viene festeggiata l’Epifania e ovviamente ogni tradizione ha le proprie ricette. Per esempio oggi andiamo in Spagna e vi voglio parlare del Roscon de Reyes. Questo è un dolce che rientra nel filone della pasticceria tipica dei paesi cristiani dedicati ai Re Magi. Si trovano ricette simili in Svizzera e anche in Francia con la più famosa Galette des Rois. Il Roscon è un pan brioche aromatizzato all’arancia che viene decorato con canditi, mandorle e dolcezze varie per richiamare appunto i gioielli delle corone dei Magi. Come per la galette des rois francese anche in questo caso c’è un ingrediente segreto, una mandorla o una fava secca, che viene inserita nell’impasto e che capiterà in una fetta a caso. Questo dolce si prepara un po’ in tutta la Spagna, io vi do una versione standard. Anche perchè, quando si parla di ricette tradizionali lo sapete, ogni famiglia ha la propria.

Ingredienti per il Roscon de Reyes

  • 15 grammi di lievito di birra fresco
  • 80 grammi di zucchero semolato
  • 100 grammi di burro
  • 100 grammi di latte
  • 1 cucchiaio di miele
  • 1 uovo e 1 albume
  • 70 grammi di farina manitoba
  • 350 grammi di farina 0
  • buccia di un arancia grattugiata
  • 2/3 cucchiai di fior d’arancio
  • un pizzico di sale

 

Per la decorazione

  • arancia candita
  • ciliegine candite
  • mandorle a scaglie
  • granella di zucchero
  • un tuorlo sbattuto
  • una mandorla intera o una fava secca

 

Preparazione

Il Roscon de Reyes non è niente altro che un pan brioche aromatizzato quindi è piuttosto semplice da preparare ma occorre un po’ di tempo per la lievitazione. Per prima cosa sciogliete il lievito di birra nel latte tiepido con lo zucchero e il miele. Quando il lievito si sarà completamente sciolto aggiungete anche la buccia dell’arancia. Versate circa metà della farina nella ciotola e cominciate ad impastare a impastare. Aggiungete l’uovo intero e l’albume leggermente sbattuti,  il fior d’arancio (o se preferite del liquore all’arancia tipo Grand Marnier) e l’altra parte di farina. Impastate bene e poi aggiungete per ultimi il burro morbido e il sale e la mandorla. Continuate ad impastare finchè l’impasto si sarà incordato bene e tenderà a staccarsi bene dalle pareti. A questo punto trasferite l’impasto su di un piano leggermente infarinato, finite di impastare a man0 (io prima ho usato la planetaria con il gancio per il pane) dando delle pieghe di rinforzo. Mettete l’impasto in una ciotola coperta con della pellicola per alimenti e sistematela in un luogo a temperatura costante. Io in genere uso il forno spento. Aspettate fino al raddoppio dell’impasto, a temperatura di casa ci vorranno circa 3/4 ore.

Una volta lievitato a sufficienza, spostate l’impasto su di un piano, schiacciate leggermente e lavoratelo a mano. Formate un rotolo omogeneo, abbastanza lungo da formare un cerchio. Il Roscon de Reyes infatti viene cotto a forma di ciambella. Io vi consiglio di usare uno stampo da ciambellone, imburratelo bene, fate aderire un po’ di farina alle pareti e poi trasferitevi l’impasto facendo aderire i due estremi. Coprite con la della pellicola e lasciate lievitare nuovamente per un paio d’ore.

Decorazione e Cottura

Quando l’impasto sarà lievitato all’interno dello stampo, sbattete il tuorlo avanzato con un paio di cucchiai di latte e spennellate la superficie del dolce. A questo punto decorate a vostra piacere il vostro Roscon con frutta candita, petali di mandorle e granella di zucchero. Accendete il forno e portatelo a circa 175 gradi. Quando il forno sarà a temperatura, infornate il Roscon e cuocete per circa 30 minuti. Se si dovesse colorare troppo in superficie, coprite come sempre con un foglio di carta stagnola. Una volta cotto, lasciatelo freddare bene prima di estrarlo dallo stampo.

Preparate la corona, un buon vino dolce e aspettate di vedere a chi toccherà la fetta con la mandorla! Buona Epifania a tutti!

Se ti piacciono i dolci della tradizione, allora non perderti

 

0 Commenti

Lascia un commento