Uova alla fiorentina

Oggi è il world egg day: cioè la giornata dedicata in tutto il mondo alle uova, che cade come ogni anno il secondo venerdì di ottobre.  Le uova sono un alimento importante nella nostra alimentazione, in cucina sono versatilissime, vengono usate in moltissime ricette tanto dolci quanto salate.  Pensate in quante preparazioni ci sono le uova: nei dolci, tantissimi, nella pasta all'uovo, insalate, salse.. sono davvero un alimento quasi indispensabile in cucina. 
Io personalmente amo molto le uova, mi piacciono quasi in tutti i modi, dalle crepes alla salsa olandese, dalla pasta frolla all'uovo pochè. Quindi capirete che per me oggi è davvero una giornata di festa, che voglio celebrare.
Senza pensare a grandi preparazioni, ricette internazionali o cose del genere, oggi vi voglio proporre un piatto della tradizione, che mangio da quando sono un bambino. Le uova alla fiorentina sono un piatto tipico della mia terra, la Toscana. Si chiamano così perchè si fanno a Firenze? Si e no.. sono senza dubbio un piatto della tradizione gastronomica toscana, ma il nome è di origine francese. Quando si parla di cucina toscana molto spesso si torna a parlare della mitica Caterina de' Medici, palato sopraffino che tanto fece per diffondere (e difendere) la cucina toscana. Caterina tra le tante cose che amava, amava senza dubbio gli spinaci... quindi in Francia quando si chiama un piatto à la florentine, si intende qualcosa cucinato su di un letto di spinaci. Ecco quindi l'origine del nome..
Ma non perdiamo altro tempo e andiamo subito alla ricetta.

Ingredienti:

- 400 grammi di spinaci freschi
- 2 uova
- sale e pepe
- noce moscata
- 40 grammi di Parmigiano Reggiano grattugiato
- 30 grammi di burro

Per prima cosa, eliminate le radice degli spinaci e lavateli accuratamente in modo da eliminare tutta la terra presente sulle foglie. Una volta puliti (o come diciamo noi, mondati) gli spinaci, metteteli in una padella antiaderente e lasciandoli cuocere a fiamma medio bassa con la loro stessa acqua. Gli spinaci possono essere tranquillamente cotti in questo modo, evitando di essere bolliti e conservando in questo modo tutte le loro proprietà organolettiche. Dopo circa 10/15 minuti gli spinaci saranno pronti, lasciateli raffreddare e poi strizzateli per eliminare l'acqua residua.
Battete a coltello gli spinaci e poi passateli in padella con una noce di burro, regolate di sale e aggiungete un po' di noce moscata e una macinata di pepe. Aggiungete anche il Parmigiano Reggiano  grattugiato e mescolate bene. A questo punto manca l'ultimo passaggio, quello fondamentale, cioè l'aggiunta delle uova.
Create due piccole cavità tra gli spinaci per ospitare le uova,  rompete i gusci e versateli nei posti che avrete creato. Abbassate la fiamma e cuocete le uova per 3/4 minuti, avendo cura di coprire la padella con un coperchio per cuocere anche la parte superiore delle uova.
C'è chi aggiunge panna, chi salsa mornay, ma credetemi che questa è la versione migliore!
Buon appetito e buon world egg day! 




0 commenti:

Posta un commento

 

EXPO Worldrecipes Contributor

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità stagionale dei prodotti. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, comunicatecelo via mail.

Slowthinking

Proud to be Bloggalletto

4Cooking

trova ricetta WebShake – cucina BlogItalia - La directory italiana dei blog Ricercadiricette.it /

Email me

Meet The Author

Sono Jacopo, 34 anni e una passione per il buon mangiare che inizia nell'infanzia quando da bambino, nascosto sotto il tavolo di cucina, rubavo i tortellini appena fatti il pomeriggio della vigilia di Natale. Io facevo il brunch quando ancora non sapevo neanche cosa fosse: la colazione della domenica mattina della mia adolescenza è stata spesso una fetta di pane con una generosa cucchiaiata del ragù lasciato incustodito sul fuoco. Oggi che sono adulto sono diventato un gourmand esigente e un cuoco eccellente, in parole povere mi piace mangiare e bere bene, ma mi piace anche (e molto!) cucinare le cose che amo per le persone che amo. Mi piace sempre citare una frase di Elsa Morante. Negli ultimi anni di vita Elsa chiedeva a tutti: “Qual è secondo voi la frase d’amore più vera, quella che esprime al massimo il sentimento?”. Tutti dicevano grandi cose. Lei rispondeva: “No. La frase d’amore, l’unica, è: hai mangiato?”.