Torta Rovesciata all'uva nera.

C'è una puntata delle Desperate Housewives che adoro, in cui Bree guida passo passo Gabrielle nel fare davanti agli occhi di suo marito Carlos una torta rovesciata all'ananas. La torta rovesciata all'ananas è un classico, regna dagli anni 70 nelle cucine delle nostre nonne, mamme e adesso anche nelle nostre. In realtà il principio è semplice e si può replicare con qualsiasi altra frutta: la francesissima tarte tatin non è forse una sorta di upside down cake? 
Quindi ananas, mela o ogni altra frutta può essere utilizzata per questa torta. La versione che vi propongo oggi infatti è un po' diversa e l'ho pensata prendendo spunto da una ricetta classica toscana: la schiacciata con l'uva! La schiacciata con l'uva è probabilmente il mio dolce preferito di questa stagione: è una schiacciata soffice, cioè come dite voi una focaccia, preparata con dell'uva nera a chicco piccolo! In cottura lo zucchero si caramella e i chicchi si aprono colorando la superficie di rosso: la adoro!

Ingredienti: 

- 2 uova
- 140 grammi di zucchero
- 180 grammi di farina
- 80 grammi di burro
- 10 grammi di lievito
- un pizzico di sale
- 1 bicchierino di vino rosso

- 80 grammi di zucchero di canna
- 15 grammi di burro
. 2/3 cucchiai di vino rosso
- un grappolo di uva nera



L'impasto è molto semplice, come una torta tradizionale: mescolate in una ciotola le uova con lo zucchero e il pizzico di sale fino a formare un composto chiaro e spumoso. Aggiungete poi il burro fuso, mescolate bene e poi aggiungete anche la farina con il lievito. Continuate a mescolare fino ad aver eliminato ogni eventuale grumo e poi lasciate da parte. 
In una pentolino fate fondere lo zucchero di canna, una volta fuso aggiungete anche il burro e poi versate la miscela in una tortiera a cerniera del diametro di 24 cm. Ruotate la tortiera in modo da distribuire il caramello su tutta la superficie e poi versate i chicchi d'uva, fino a coprire tuta la superficie. Imburrate bene anche le pareti della tortiera e poi versate al suo interno l'impasto.
Infornate a forno caldo 180 gradi e cuocete per circa 35/40 minuti, fin tanto che la torta sarà cotta. Conoscete il vostro forno, in caso vale sempre la vecchia regola della prova stecchino al centro!
Prima di rovesciare la torta, è fondamentale aspettare che sia completamente fredda, quindi una volta cotta dimenticatevela per almeno un'ora!
Buon appetito! 




0 commenti:

Posta un commento

 

EXPO Worldrecipes Contributor

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità stagionale dei prodotti. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, comunicatecelo via mail.

Slowthinking

Proud to be Bloggalletto

4Cooking

trova ricetta WebShake – cucina BlogItalia - La directory italiana dei blog Ricercadiricette.it /

Email me

Meet The Author

Sono Jacopo, 34 anni e una passione per il buon mangiare che inizia nell'infanzia quando da bambino, nascosto sotto il tavolo di cucina, rubavo i tortellini appena fatti il pomeriggio della vigilia di Natale. Io facevo il brunch quando ancora non sapevo neanche cosa fosse: la colazione della domenica mattina della mia adolescenza è stata spesso una fetta di pane con una generosa cucchiaiata del ragù lasciato incustodito sul fuoco. Oggi che sono adulto sono diventato un gourmand esigente e un cuoco eccellente, in parole povere mi piace mangiare e bere bene, ma mi piace anche (e molto!) cucinare le cose che amo per le persone che amo. Mi piace sempre citare una frase di Elsa Morante. Negli ultimi anni di vita Elsa chiedeva a tutti: “Qual è secondo voi la frase d’amore più vera, quella che esprime al massimo il sentimento?”. Tutti dicevano grandi cose. Lei rispondeva: “No. La frase d’amore, l’unica, è: hai mangiato?”.