Flaugnarde alle pesche, mirtilli e mandorle

Non spaventatevi davanti ad un nome che non avete mai sentito prima: la flaugnarde non morde, non è pericolosa e anzi, è addirittura buona! Ma che cosa è questo dolce dal nome strano? Così a prima vista, non vi sembra che abbia un aspetto almeno un po' familiare?
Dal nome dovreste aver capito che stiamo parlando di pasticceria francese, infatti la flaugnarde è un dolce originario della zona centro meridionale della Francia. Ne esistono diverse varianti infatti si può preparare con la frutta che si preferisce e, in estate c'è davvero l'imbarazzo della scelta.. 
Vabbè, ve lo dico, la flaugnarde è la cugina del clafoutis! Di fatto è praticamente la stessa cosa, solo che, a voler essere precisi, il clafoutis si fa solo e soltanto alle ciliegie, mentre la flaugnarde si fa con qualunque frutta. In pratica la flaugnarde è un clafoutis non alle ciliegie.
Vi starete chiedendo perchè sono andato a pescare questa ricetta così particolare? A parte che è buonissima, oggi poi è il 14 luglio!! Quindi come non preparare una torta a tema per il Bastille Day?

Ingredienti: 

- 4 uova
- 3 pesche grandi
- una confezione di mirtilli freschi
- 200 ml di latte
- 200 ml di panna fresca
- un pizzico di sale
- buccia di metà limone grattugiata
- 135 grammi di zucchero di canna
- 2/3 cucchiai di Amaretto 
- 40 grammi di farina
- 60 grammi di mandorle

Per prima cosa tritate la farina con le mandorle nel mixer, in modo da ottenere una farina mista molto fine, senza che le mandorle producano olio. Sbucciate le pesche, dividetele a metà ed eliminate il nocciolo. Tagliatele poi a spicchi abbastanza piccoli (altrimenti in cottura non si cuociono).
In una ciotola montate le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto gonfio e chiaro, aggiungete poi un pizzico di sale, la buccia del limone grattata e a filo, sempre mescolando, il latte unito con la panna prima e i cucchiai di Amaretto poi. Aggiungete per ultimo all'impasta il mix di farine e mescolate bene per sciogliere ogni eventuale grumo.
Accendete il forno a 175° e portate a temperatura. 
Nel frattempo che il dolce si scalda rivestite di carta da forno umida una tortiera dai bordi bassi, imburrate leggermente la carta da forno e poi cominciate a distribuire le pesche e i mirtilli in tutta la tortiera. Non serve un ordine preciso, potete addirittura prendervi la libertà di buttare tutto un po' a caso..
Una volta riempita la tortiera con la frutta, versate l'impasto (che noterete essere piuttosto liquido) in modo da riempire tutta la tortiera. Decorate la superficie con 2/3 cucchiai di zucchero di canna e una manciata di mandorle a scaglie. 
Infornate e cuocete per circa 50 minuti, fin tanto che la flaugnarde risulterà dorata in superficie ma ancora piuttosto morbida.
Lasciate intiepidire prima di servire. Sarebbe buonissima anche calda, solo che è piuttosto fragile, quindi da fredda è molto più pratica da gestire..
Boun appetito e, se la preparate subito, buon 14 luglio! 




0 commenti:

Posta un commento

 

EXPO Worldrecipes Contributor

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità stagionale dei prodotti. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, comunicatecelo via mail.

Slowthinking

Proud to be Bloggalletto

4Cooking

trova ricetta WebShake – cucina BlogItalia - La directory italiana dei blog Ricercadiricette.it /

Email me

Meet The Author

Sono Jacopo, 34 anni e una passione per il buon mangiare che inizia nell'infanzia quando da bambino, nascosto sotto il tavolo di cucina, rubavo i tortellini appena fatti il pomeriggio della vigilia di Natale. Io facevo il brunch quando ancora non sapevo neanche cosa fosse: la colazione della domenica mattina della mia adolescenza è stata spesso una fetta di pane con una generosa cucchiaiata del ragù lasciato incustodito sul fuoco. Oggi che sono adulto sono diventato un gourmand esigente e un cuoco eccellente, in parole povere mi piace mangiare e bere bene, ma mi piace anche (e molto!) cucinare le cose che amo per le persone che amo. Mi piace sempre citare una frase di Elsa Morante. Negli ultimi anni di vita Elsa chiedeva a tutti: “Qual è secondo voi la frase d’amore più vera, quella che esprime al massimo il sentimento?”. Tutti dicevano grandi cose. Lei rispondeva: “No. La frase d’amore, l’unica, è: hai mangiato?”.