Pasta, fagioli e.. cozze!


Passato il Carnevale, basta con i fritti e i dolci tipici e via con nuove ricette. Il periodo di quaresima non è certamente un periodo ricco dal punto di vista culinario: i giorni di magro impongono, anzi imporrebbero molte limitazioni. Oggi per dire che il è mercoledì delle ceneri bisognerebbe andare di digiuno o quasi... bandita la carne e ogni suo derivato si possono mangiare però cereali, verdure, legumi, pesce addirittura. 
Io, come sapete, amo rispettare le tradizioni tuttavia mi piace dare come dire un tocco un po' diverso.. quindi se è vero che oggi è meglio evitare la carne, pensiamo ad una ricetta che di sicuro non ce la farà rimpiangere! 
Ho scelto una pasta e fagioli, uno dei primi piatti, anzi uno dei piatti unici tipici della quaresima e per renderla ancora più invitante ho pensato ad un'aggiunta prelibata: le cozze.

Ingredienti:

- una cipolla 
- olio evo
- 600 grammi di fagioli
- 1,5 litri di acqua
- 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
- cozze
- salvia
- tagliatelle 

La cosa migliore da fare per preparare questa ricetta sarebbe: fare le tagliatelle in casa, usare dei fagioli secchi, usare delle cozze fresche. Fatta questa doverosa premessa, sentitevi liberi di usare fagioli in scatola, cozze congelate e comprare le tagliatelle.

Per le tagliatelle usate un impasto formato da 2 uova, 100 grammi di farina 0 e 100 grammi di semola, in questo modo risulteranno molto ruvide, perfette per una minestra come quella che stiamo per preparare.
Per i fagioli, prima di utilizzarli, lavateli bene, lasciateli in ammollo per almeno 2/3 ore. 
Se usate delle cozze fresche, lasciatele immerse in acqua salata in modo che si aprano e perdano la sabbia eventualmente presente al loro interno.
In una pentola capiente versate dell'olio evo e una cipolla piccola, fate rosolare per qualche minuto, aggiungete un pizzico di sale grosso e i fagioli. Aggiungete anche l'acqua calda e portate di nuovo a bollore. Una volta raggiunto il bollore, abbassate la fiamma e aggiungete delle foglioline di salvia e un cucchiaio di concentrato di pomodoro. Fate cuocere per 35/40 minuti o finche i fagioli non risultino morbidi. A questo punto con un colino, togliete una parte di fagioli, metteteli da parte e con un mixer ad immersione frullate la zuppa fino a rendere tutto liscio e cremoso. Pensiamo al resto: in un'ampia padella antiaderente versate le cozze con un filo di olio, accendete il fuoco a fiamma viva. Nel giro di pochi minuti le cozze cominceranno ad aprirsi e a lasciar fuoriuscire l'acqua che contenevano al loro interno. Fate cuocere per 4/5 minuti e poi spegnete il fuoco.
A questo punto non resta che portare di nuovo a bollore la zuppa, versare le tagliatelle e cuocerle per qualche minuto finche non saranno morbide, una volta cotte, aggiungete i fagioli che avete tenuto da parte e.. impiattate.
Versate un po' di pasta e fagioli nelle scodelle, aggiungete qualche cozza, un paio di foglioline di salvia, un filo di olio e, se volete, un po' di pepe.
Buon appetito! 





0 commenti:

Posta un commento

 

EXPO Worldrecipes Contributor

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità stagionale dei prodotti. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, comunicatecelo via mail.

Slowthinking

Proud to be Bloggalletto

4Cooking

trova ricetta WebShake – cucina BlogItalia - La directory italiana dei blog Ricercadiricette.it /

Email me

Meet The Author

Sono Jacopo, 34 anni e una passione per il buon mangiare che inizia nell'infanzia quando da bambino, nascosto sotto il tavolo di cucina, rubavo i tortellini appena fatti il pomeriggio della vigilia di Natale. Io facevo il brunch quando ancora non sapevo neanche cosa fosse: la colazione della domenica mattina della mia adolescenza è stata spesso una fetta di pane con una generosa cucchiaiata del ragù lasciato incustodito sul fuoco. Oggi che sono adulto sono diventato un gourmand esigente e un cuoco eccellente, in parole povere mi piace mangiare e bere bene, ma mi piace anche (e molto!) cucinare le cose che amo per le persone che amo. Mi piace sempre citare una frase di Elsa Morante. Negli ultimi anni di vita Elsa chiedeva a tutti: “Qual è secondo voi la frase d’amore più vera, quella che esprime al massimo il sentimento?”. Tutti dicevano grandi cose. Lei rispondeva: “No. La frase d’amore, l’unica, è: hai mangiato?”.