Torta di ricotta


Finita l'estate, si torna ai vecchi ritmi e con ottobre è tornato anche lo scambio di ricette. E' un progetto molto carino che a me piace davvero molto: ogni mese ci sono degli abbinamenti per cui io devo fare una ricetta di una blogger e un'altra blogger deve fare una mia ricetta, insomma un intreccio che serve davvero a fare community. Questo mese io sono stato abbinato a Stefania Casali e al suo blog Tra Lana e Biscotti. Devo ammettere che sono stato in difficoltà, ma in senso buono.. perchè le ricette che avrei voluto fare erano davvero tante. Poi sfoglia sfoglia, ho trovato questa torta, ho letto le parole "comfort food" ed è stato amore a prima vista. Ero certo che sarebbe stato amore anche al primo assaggio e infatti poi così è stato.
Bando alle chiacchiere andiamo subito con la ricetta. Non ho modificato minimamente le indicazioni di Stefania, quindi la ricetta è tal e quale alla sua versione!


Ingredienti:

- 4 uova
- 250 grammi di ricotta
- 65 grammi di zucchero
- 25 grammi di farina
- un cucchiaio di cacao in polvere
- 150 grammi di gocce di cioccolato
- 1 limone



Per prima cosa dividete i tuorli dagli albumi e montate i tuorli con quasi tutto lo zucchero fino ad ottenere un composto gonfio e bianco. Io ho messo in planetaria con la frusta al massimo della potenza per 5 minuti. Quando avrete ottenuto un composto stabile aggiungete la buccia di limone grattugiata. Nel frattempo setacciate le ricotta, in modo da non avere grumi nell'impasto al momento ti aggiungerla.


Aggiungete la ricotta e la farina un po' alla volta, con un mestolo, con movimenti dall'alto verso il basso per non sgonfiare l'impasto, Aggiungete anche gli albumi montati a neve con il restante zucchero, sempre avendo cura di non smontare tutto. Per ultime, aggiungete le gocce di cioccolato.
Preriscaldate il forno a 180 gradi e ungete una tortiera a cerniera da 20 cm e spolveratela di farina. Io per evitare brutte sorprese ho foderato il fondo con della carta da forno.


Trasferite l'impasto nella tortiera, date qualche colpo per eliminare eventuali bolle d'aria e infornate per 45/50 minuti. Non vi preoccupate se in cottura la torta si gonfierà, l'unica attenzione che dovrete prestare e a non cuocere troppo la torta, altrimenti perderà quella morbidezza che la contraddistingue. 
Io per dire, che conosco il mio forno, l'ho cotta solo per 45 minuti.
Tiepida è da urlo... quando è fredda qualche secondo nel microonde per far sciogliere di nuovo le gocce ed è come appena sfornata!





0 commenti:

Posta un commento

 

EXPO Worldrecipes Contributor

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità stagionale dei prodotti. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, comunicatecelo via mail.

Slowthinking

Proud to be Bloggalletto

4Cooking

trova ricetta WebShake – cucina BlogItalia - La directory italiana dei blog Ricercadiricette.it /

Email me

Meet The Author

Sono Jacopo, 34 anni e una passione per il buon mangiare che inizia nell'infanzia quando da bambino, nascosto sotto il tavolo di cucina, rubavo i tortellini appena fatti il pomeriggio della vigilia di Natale. Io facevo il brunch quando ancora non sapevo neanche cosa fosse: la colazione della domenica mattina della mia adolescenza è stata spesso una fetta di pane con una generosa cucchiaiata del ragù lasciato incustodito sul fuoco. Oggi che sono adulto sono diventato un gourmand esigente e un cuoco eccellente, in parole povere mi piace mangiare e bere bene, ma mi piace anche (e molto!) cucinare le cose che amo per le persone che amo. Mi piace sempre citare una frase di Elsa Morante. Negli ultimi anni di vita Elsa chiedeva a tutti: “Qual è secondo voi la frase d’amore più vera, quella che esprime al massimo il sentimento?”. Tutti dicevano grandi cose. Lei rispondeva: “No. La frase d’amore, l’unica, è: hai mangiato?”.