La fika svedese: la Kladdkaka

Conoscete la kladdkaka? Se non l'avete mai assaggiata, questo è il momento di farlo! La kladdkaka è un dolce tipico svedese a base di cioccolato, è il dolce per eccellenza della fika, Ma cos'è la fika? E' misto tra una tradizione e un vero e proprio rituale, un po' come il tè delle cinque per gli inglesi. La fika è il momento della giornata in cui ci si ritrova con uno o più amici e si beve qualcosa di caldo (cioccolato o caffè) accompagnandolo con qualche dolcetto: E' un momento di relax, di socializzazione, un coffee break da condividere con gli amici. Gli svedesi sono golosi e sono molti i dolci tipici, ma visto che vi avevo già dato la ricette dei kanelbullar, e visto che oggi c'è Italia Svezia, vi propongo la ricetta di questo squisito dolce al cioccolato.
La kladdkaka è un dolce molto morbido, infatti significa dolce appiccicoso, ricorda il molleux francese e un po' anche la nostra torta tenerina.


Ingredienti:

- 250 grammi di cioccolato fondente
- 100 ml di caffè (una tazza)
- 3 uova
- 200 grammi di zucchero
- 150 grammi di burro
- un pizzico di sale
- 100 ml di panna
- 100 grammi di farina


Per prima cosa, fate sciogliere a bagnomaria il cioccolato con il burro, una volta sciolto aggiungete la panna e lasciate intiepidire. Nel frattempo accendete il forno e portate a 175 gradi. Foderate uno stampo da torte a cerniera con della carta da forno e imburrate le pareti.


In una ciotola mescolate le uova con lo zucchero e il sale, mescolate velocemente e poi aggiungete il caffè. Una volta amalgamati questi primi ingredienti, aggiungete anche il composto con il cioccolato e mescolate bene.


Per finire aggiungete anche la farina setacciata per non formare grumi, mescolate bene e rovesciate il composto all'interno della tortiera.


Infornate e cuocete la kladdkaka per 30, massimo 35 minuti. La torta deve essere molto morbida, quindi regolatevi con il vostro forno.. oppure visivamente: sarà il momento di sfornate quandole pareti saranno ben ferme, mentre il centro della torta sarà ancora morbido. Fate raffreddare su di una griglia da dolci e servite (anche tiepida) accompagnando se volete con un po' di panna o lamponi e una tazza di caffè!





0 commenti:

Posta un commento

 

EXPO Worldrecipes Contributor

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità stagionale dei prodotti. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, comunicatecelo via mail.

Slowthinking

Proud to be Bloggalletto

4Cooking

trova ricetta WebShake – cucina BlogItalia - La directory italiana dei blog Ricercadiricette.it /

Email me

Meet The Author

Sono Jacopo, 34 anni e una passione per il buon mangiare che inizia nell'infanzia quando da bambino, nascosto sotto il tavolo di cucina, rubavo i tortellini appena fatti il pomeriggio della vigilia di Natale. Io facevo il brunch quando ancora non sapevo neanche cosa fosse: la colazione della domenica mattina della mia adolescenza è stata spesso una fetta di pane con una generosa cucchiaiata del ragù lasciato incustodito sul fuoco. Oggi che sono adulto sono diventato un gourmand esigente e un cuoco eccellente, in parole povere mi piace mangiare e bere bene, ma mi piace anche (e molto!) cucinare le cose che amo per le persone che amo. Mi piace sempre citare una frase di Elsa Morante. Negli ultimi anni di vita Elsa chiedeva a tutti: “Qual è secondo voi la frase d’amore più vera, quella che esprime al massimo il sentimento?”. Tutti dicevano grandi cose. Lei rispondeva: “No. La frase d’amore, l’unica, è: hai mangiato?”.