Direttamente dalla Svezia: i kanelbullar

kanelbulle
Una nuova ricetta speciale oggi: non lasciatevi spaventare dal nome complicato, questo di cui vi sto per parlare è un dolcetto squisito. Voglio celebrare la Svezia che proprio in questi giorni ospita l'Eurovision Song Contest, con una ricetta diffusissima tra i bar le pasticcerie di Stoccolma. L'altra sera stavo vedendo la prima semifinale dell'Eurovision e mi sono detto: Jacopo ma perchè non fai qualcosa tipicamente svedese? E cosa c'è di più svedese dei kanelbullar? Il nome forse non lo avrete mai sentito, ma sono sicuro che li avrete già visti e forse anche già assaggiati visto che normalmente si trovano anche da IKEA. I kanelbullar sono infatti dei dolcetti a spirale aromatizzati alla cannella: sono molto diffusi in nord Europa e negli Stati Uniti dove però vengono chiamati cinnamon rolls.
La ricetta che vi do oggi è fatta con il lievito naturale (come sapete, difficilmente uso il lievito di birra) però è semplice, quindi non lasciatevi intimorire e provate: se seguite i miei consigli sarà un successo!


Ingredienti: 

- 125 grammi di lievito madre rinfrescato
- 400 grammi di farina
- 110 ml di latte intero
- 110 ml di acqua tiepida
- 1 uovo
- 80 grammi di zucchero
- 1 cucchiaino di miele
- 50 grammi di burro

Per il ripieno:

- 50 grammi di burro
- 15 grammi di cannella (2 cucchiai)
- 35 grammi di zucchero di canna (4 cucchiai)

Se seguite i miei consigli, riuscite a fare tutto in un giornata: io ho cominciato la mattina e la sera prima di andare a letto ho cotto i kanelbullar, così la mattina a colazione erano perfetti!
Appena svegli, rinfrescate il vostro lievito madre e lasciate maturare per circa 3 ore in un luogo al riparo dalle correnti. 


In tarda mattinata cominciate a impastare il pan brioche, che sarà la base dei nostri kanelbullar: nella ciotola della planetaria sciogliete il lievito madre con il latte, l'acqua e il cucchiaino di miele. Aggiungete poi lo zucchero e l'uovo leggermente sbattuto e continuate ad impastare. A questo punto aggiungete la farina e fate incordare bene l'impasto per almeno 5 minuti. La scelta della farina è importante: utilizzate una farina per lievitati, ma io vi sconsiglio di usare anche in parte la manitoba. Questo è un impasto abbastanza semplice, non c'è davvero bisogno di usare una manitoba! 
Quando l'impasto sarà bello liscio, aggiungete anche il burro, a pezzeti e molto molto morbido: un pezzo alla volta solo quando il precedente sarà stato assorbito nell'impasto. 

Trasferite il pan brioche su di un piano infarinato, date a mano delle pieghe di rinforzo e poi mettete in una ciotola coperta con pellicola a lievitare per 3 ore. Passate 3 ore spostate di nuovo l'impasto su di un piano infarinato e date ancora 2 giri di pieghe, uno in un verso e uno ruotando l'impasto di 90 gradi. Fate lievitare per un'altra ora in modo che la maglia glutinica si distenda e l'impasto sia lavorabile. 


Sempre sul vostro piano infarinato stendete l'impasto con un mattarello con una forma rettangolare, abbastanza schiacciata. Stendete con un pennello o con la mano il burro pomata sulla superficie del rettangolo in modo omogeneo e poi spolverizzate con lo zucchero di canna mescolato con la cannella. 
A questo punto arrotolate tutto, ricoprite con della pellicola per alimenti e mettete in frigo per un'ora. In questo modo l'impasto e il burro raffreddandosi, diventeranno più solidi e sarà più semplice tagliare a fette i kanelbullar. 

Passata un'ora con un coltello molto affilato tagliate il rotolo a fette dello spessore di circa 1/2 cm che posizionerete su una teglia da biscotti ricoperta di carta da forno. Mettete tutto in forno con un contenitore di acqua bollente, in modo che si crei un ambiente umido dove i kanelbullar possono lievitare senza indurirsi. Aspettate a questo punto che i kanelbullar lievitino e poi apprestatevi a cuocerli: i miei hanno impiegato 4 ore, ce ne possono volere 3 come 5, dipende dalla forza del vostro lievito... in caso aspettate e non fatevi prendere dalla paura.


Una volta pronti per essere cotti, spennellate la superficie dei kanelbullar con un tuorlo sbattuto con del latte e versatevi sopra un po' di zucchero di canna.  Portate il forno a 180° e cuocete per 16/18 minuti, finchè non risultino dorati in superficie.


Sfornate i kanelbullar e lasciateli raffreddare su di una griglia. Una volta freddi, se volete potete guarnire con della glassa, che si fa semplicemente con un albume e 125 grammi di zucchero a velo.
I kanelbullar in Svezia si mangiano spesso per merenda e nella pausa caffè.. io domani me li mangio mentre guardo la finale dell'Eurovision!






0 commenti:

Posta un commento

 

EXPO Worldrecipes Contributor

Disclaimer

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità stagionale dei prodotti. Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge. n. 62 del 2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, comunicatecelo via mail.

Slowthinking

Proud to be Bloggalletto

4Cooking

trova ricetta WebShake – cucina BlogItalia - La directory italiana dei blog Ricercadiricette.it /

Email me

Meet The Author

Sono Jacopo, 34 anni e una passione per il buon mangiare che inizia nell'infanzia quando da bambino, nascosto sotto il tavolo di cucina, rubavo i tortellini appena fatti il pomeriggio della vigilia di Natale. Io facevo il brunch quando ancora non sapevo neanche cosa fosse: la colazione della domenica mattina della mia adolescenza è stata spesso una fetta di pane con una generosa cucchiaiata del ragù lasciato incustodito sul fuoco. Oggi che sono adulto sono diventato un gourmand esigente e un cuoco eccellente, in parole povere mi piace mangiare e bere bene, ma mi piace anche (e molto!) cucinare le cose che amo per le persone che amo. Mi piace sempre citare una frase di Elsa Morante. Negli ultimi anni di vita Elsa chiedeva a tutti: “Qual è secondo voi la frase d’amore più vera, quella che esprime al massimo il sentimento?”. Tutti dicevano grandi cose. Lei rispondeva: “No. La frase d’amore, l’unica, è: hai mangiato?”.